Grandi manovre americane nel Golfo Persico

Usa, inviati cacciamine nel Golfo Persico

Le forze armate statunitensi e quelle di altre 20 nazioni alleate hanno organizzato una serie di esercitazioni militari nei pressi del Golfo Persico dopo che il governo iraniano aveva avvisato di voler bloccare lo Stretto di Hormuz come risposta alle sanzioni internazionali imposte a Teheran.

Il portavoce del Pentagono, George Little, ha riferito che le manovre si svolgeranno tra il 16 e 27 settembre e parteciperanno insieme a loro “più di 20 Paesi” alleati. Paesi che, però, non sono ancora stati resi noti.

Little si è riferito alle esercitazioni come necessarie per “preservare la libertà di navigazione nelle acque internazionali nel Medio Oriente”, negando, quindi, che si tratti di un messaggio per l’Iran.

Ufficialmente, quindi, anche lo scopo del massiccio aumento di navi da guerra statunitensi degli ultimi giorni sarebbe soltanto quello di impedire che Tehran blocchi lo Stretto di Hormuz, da dove passa almeno il 25 per cento del petrolio mondiale. Secondo molti però, il presidio è in realtà un chiaro avviso di un possibile attacco in caso di mancato accordo sul nucleare iraniano.

Gli Usa hanno iniziato a rafforzare militarmente la regione nei primi mesi del 2012, raddoppiando anche il numero di elicotteri anti-mine e droni sottomarini che operano nel Golfo.

Il comando centrale americano (Centcom), intanto, ha sottolineato che lo scenario di esercitazione multinazionale denominata IMCMEX 12, “si concentra soprattuto nella parte mediorientale del Mar Rosso, del Golfo di Aden, del Golfo di Oman e del Golfo Persico, ovvero nella parte di mare più minacciata dai possibili attacchi estremisti”.

Sin da subito, Teheran si è dichiarato fortemente contrario al presidio, dichiarando che “la presenza militare americana nel Golfo è fonte di insicurezza nella zona”.

In effetti, già lo scorso lunedì si sono verificati degli screzi, quando una nave da guerra americana ha aperto il fuoco su un peschereccio, nella costa degli Emirati Arabi Uniti, uccidendo un indiano e ferendone altri tre.



Categorie:Senza categoria

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

CULTURE VISIVE, SIMBOLICHE E MATERIALI - VISUAL, SYMBOLIC AND MATERIAL CULTURES

LINGUE STORIA CIVILTA' / LANGUAGES HISTORY CIVILIZATION

LINGUISTICA STORICA E COMPARATA / HISTORICAL AND COMPARATIVE LINGUISTICS

TEATRO (E NON SOLO) - THEATRE (AND NOT ONLY)

Testi, soggetti e ricerche di Antonio De Lisa - Texts, Subjects and Researches by Antonio De Lisa

TIAMAT

ARTE ARCHEOLOGIA ANTROPOLOGIA // ART ARCHAEOLOGY ANTHROPOLOGY

ORIENTALIA

ARTE E ARCHEOLOGIA / ART AND ARCHEOLOGY

ESTETICA ORGANICA- PER UNA TEORIA DELLE ARTI

ORGANIC AESTHETICS - FOR A THEORY OF THE ARTS

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS LIVE

Sonus Online Music Journal

WordPress.com News

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA OFFICIAL SITE

Arte Teatro Musica Poesia - Art Theatre Music Poetry - Art Théâtre Musique Poésie

IN POESIA - IN POETRY - EN POESIE

IN POETRY - PHENOMENOLOGY OF LITERATURE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: